Serata finale di emozioni con MantovaFilmFest 2016!
Il pubblico decreta vincitore il film "L’attesa" di Pietro Messina. Tra i documentari si aggiudica il podio "Mia madre fa l’attrice" di Mario Balsamo.

Tante sfumature di emozioni e anche un po’ di nostalgia per un’altra edizione che si conclude. MantovaFilmFest 2016 approda alla sua serata conclusiva regalando un finale di coinvolgimento e magia. Pubblico numeroso e tanta voglia di scoprire il vincitore, un’attesa che ha creato dialogo e confronto come in un ritrovo tra vecchi amici. Nell’affascinante cornice del Chiostro "Campiani", a partire dalle ore 21:30, si è tenuta la premiazione del miglior film tra le 12 opere prime in concorso quest’anno. Il pubblico ha premiato il film "L’attesa" di Pietro Messina, con Juliette Binoche tra le interpreti, che si è aggiudicato la maggioranza dei consensi ottenendo il prestigioso Lauro di Virgilio. Riconoscimento anche per i documentari, valutatati da una giuria di esperti già noti al pubblico mantovano: i registi Gianfranco Pannone, Gianluca De Serio e Alessandro Maria Buonomo. A salire sul podio in questo caso è stato il film "Mia madre fa l’attrice" di Mario Balsamo con motivazione della giuria letta da Buonomo.

A presentare la serata Paolo Cenzato di Elianto Film che ha fatto gli onori di casa accogliendo gli ospiti speciali dell’evento: delegazione della famiglia Thun, sostenitrice del Festival, il sindaco Mattia Palazzi e l’attesissimo regista Sergio Rubini.

Leggi l'articolo completo

NEWS
24 agosto
Serata finale di emozioni con MantovaFilmFest 2016!
Il pubblico decreta vincitore il film “L’attesa” di Pietro Messina. Tra i documentari si aggiudica il podio “Mia madre fa l’attrice” di Mario Balsamo. […] ALTRO
24 agosto
Incontro con Vitaliano Trevisan e Gianclaudio Cappai, attore e regista di “Senza lasciare traccia”
“Un film deve lasciare qualcosa, essere perturbante. L’importante è che non sia definito carino”. […] ALTRO
24 agosto
Incontro speciale con Italo Moscati autore del film “1.200 km di bellezza”
“La bellezza è uno squillo, il ciak dentro di noi da cui nascono progetti”. […] ALTRO