NEWS
Mostra “Luce. L’immaginario italiano a Mantova”
L’inaugurazione venerdì 19 agosto alzando il sipario del MantovaFilmFest 2016

Un vero e proprio evento nell’anno di “Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016” per celebrare la forza dell’immagine che immortala scorci e istanti di vita. “Luce, l’immaginario italiano a Mantova” è il titolo della grande mostra che si terrà dal 19 agosto fino al 16 ottobre all’interno di Palazzo della Ragione in piazza Erbe, nel cuore della città virgiliana. L’inaugurazione alzerà il sipario del MantovaFilmFest edizione numero nove. A cura di Roland Sejko e Gabriele D’Autilia, con l’organizzazione di COR (Creare, Organizzare, Realizzare) e la collaborazione dell’Associazione Mantova Film Studio, l’esposizione multimediale regalerà ai visitatori un percorso che scorre, così come fanno i racconti che partono dalla vita. Si tratterà quindi di un flusso continuo di immagini che ripropone parte dell’enorme patrimonio di filmati e fotografie d’archivio dello storico Istituto LUCE. “Attraverso grandi pannelli e schermi, organizzati secondo un ordine tematico-cronologico, si può fruire di video-installazioni, montaggi realizzati ad hoc di centinaia di filmati e oltre 500 splendide fotografie che fermano dettagli e momenti significativi delle immagini “ufficiali” che per nove decenni hanno contribuito a raccontare l’attualità del Paese, della sua società e del mondo: un viaggio nell’auto-rappresentazione del Bel Paese” spiegano i referenti.

Rappresentazione e immaginazione formeranno un connubio molto forte, si parla di un vero e proprio album mentale delle generazioni che hanno attraversato il Novecento: “Non si racconterà dunque la storia d’Italia ma si cercherà di mostrare come la storia abbia interagito con le immagini, come cioè gli eventi e i fenomeni della storia siano stati rappresentati e quindi percepiti - con entusiasmo, indifferenza, curiosità - lasciando tracce nella nostra memoria”.

L’esposizione implicherà una serie di parole-chiave che prenderanno per mano i visitatori lungo l’itinerario, tra ombre e luci, guerra e rinascita, città e campagna, modernità e arretratezza, etc. L’ultimo spazio di esposizione sarà interamente dedicato al cinema. Protagoniste saranno un centinaio di foto di registi, attori, set con una preziosa selezione di trailer e backstage di film.