Mantovafilmfest

Programma

Locandina

Adam

di Maryam Touzani, con Nisrin Erradi, Douae Belkhaouda, Aziz Hattab

Marocco, 2019. 98'

21 Ago
22.30 ARENA MIGNON

"Adam è la storia di due anime solitarie che si abituano l’una all’altra, si confrontano e si uniscono, di due donne prigioniere, ciascuna a modo suo, che cercano rifugio nella fuga, nel rifiuto della realtà.

Samia è prigioniera del bambino che porta in grembo, di quella vita che le cresce dentro, giorno dopo giorno, che si materializza nonostante tutto. Abla è prigioniera di una morte che ha congelato la sua esistenza, di un lutto che ha rifiutato di affrontare, che l’ha trasformata in un essere incorporeo. Queste due donne sono messe di fronte a ciò che di più bello e di più crudele ha da offrire la vita. E al centro di tutto, la nascita, la maternità. Questa cosa inafferrabile, che ci trascende, che risveglia i nostri più primitivi istinti, per quanto sopiti siano. In Adam, la vita si impone, come la morte, in tutta la sua potenza...

Questo film è nato da un vero incontro, doloroso, ma ispirante, che ha lasciato in me tracce indelebili. Ho conosciuto la giovane donna che ha ispirato il personaggio di Samia. Sbarcò a Tangeri, in fuga dalla sua famiglia, dopo essere stata messa incinta e poi abbandonata da un uomo che aveva promesso di sposarla. Per paura, per vergogna, non aveva detto niente ai suoi familiari e aveva nascosto la sua gravidanza per mesi. Lontano da casa, sperava di partorire di nascosto e di dar via il bambino, per poi tornare nel suo villaggio. Quando suonò alla nostra porta, i miei genitori l’accolsero in casa, senza conoscerla. Sarebbe dovuta restare solo qualche giorno, ma si trattenne settimane, fino alla venuta al mondo del suo bambino." (Maryam Touzani)