Mantovafilmfest

Programma

Locandina

Gagarine

di Fanny Liatard, Jérémy Trouilh, con Alséni Bathily, Lyna Khoudri, Jamil McCraven
.

Francia, 2020. 97'

22 Ago
20.45 ARENA MIGNON

Youri, 16 anni, ha vissuto tutta la sua vita a Gagarine Cité, un vasto progetto di alloggi popolari in mattoni rossi situato nella periferia di Parigi. Dall’alto del suo appartamento, Youri ha sempre sognato di diventare un astronauta. Ma quando trapelano i piani per demolire il complesso immobiliare, Youri si unisce alla resistenza. Con i suoi amici Diana e Houssam, intraprende una missione per salvare Gagarine, trasformando la proprietà immobiliare nella sua “astronave”, prima che scompaia nello spazio per sempre.

Il progetto abitativo Cité Gagarine è un enorme complesso in mattoni rossi che comprende 370 appartamenti ed è stato costruito nei primi anni Sessanta a Ivry-sur-Seine, uno dei comuni comunisti che formano la cosiddetta "cintura rossa" intorno a Parigi. L’architettura del tempo puntava molto sugli edifici alti, al fine di sgomberare le baraccopoli che si estendevano per tutta la periferia della capitale francese. Nel giugno del 1963, Yuri Gagarin, il primo uomo approdato nello spazio, si recò all’inaugurazione del complesso abitativo che portava il suo nome. Nel giro di qualche decennio, tuttavia, queste utopie collettive architettoniche tanto in voga, diventarono veri e propri quartieri, che non di rado furono stigmatizzati e rasi al suolo per fare posto a nuovi progetti di riqualificazione urbana. Nel 2014 fu presa la decisione di demolire anche Cité Gagarine. I residenti del complesso furono gradualmente ricollocati in altre abitazioni, lasciando Cité Gagarine spoglia e deserta, come un guscio vuoto. I numerosi nuclei famigliari che ospitava il complesso abitativo se ne andarono, portando con loro storie e i ricordi delle loro vite - spesso faticose - vissute tra quelle mura tra continue migrazioni, grandi speranze e disillusioni. Il 31 Agosto 2019 le macchine per la demolizione si abbatterono sul complesso, sotto gli occhi degli oramai ex inquilini.