Mantovafilmfest

Programma

Locandina

Strategia del ragno

di Bernardo Bertolucci, con Alida Valli, Giulio Brogi, Pippo Campanini, Tino Scotti.

Italia, 1972. 110' - copia proveniente dalla Cineteca Nazionale CSC

22 Ago

Presentato a Venezia a colori (in Tv il giorno stesso in bianco e nero). Ugo Casiraghi su “l’Unità”: «Un’infallibile Alida Valli splendidamente matura, che regge anche al nome del suo personaggio (Draifa), uno di quegli straordinari nomi emiliani derivato, nella fattispecie, dalla circostanza che il genitore fosse un patito di Dreyfus, sono le parole che tanti spettatori d’ogni età fanno proprie – i cinquantenni ringalluzziti dalla sua bellezza non svanita, i più giovani che l’hanno scoperta in Senso o ne Il grido e poi magari l’hanno persa di vista, i giovanissimi che si chiedono da dove sbuchi questa signora di mezza età capace di trasfigurarsi in un gesto amaro o tenero sorriso». Sulla spiaggia del Lido di Venezia, il 25 agosto, un giornalista di “Grazia” scrive durante un’intervista: “Il tempo le ha arrochito un tantino la voce, appesantito i fianchi, punteggiato il dorso delle mani di macchioline castane… E cosa altro le ha portato via il tempo?”. La risposta: “Faccio prima a dirle quello che mi ha lasciato, siccome si tratta di una cosa sola: la voglia di lavorare”. È tempo di bilanci: di film validi, oltre a quello appena terminato, ne salva in tutto tre e mezzo: Piccolo mondo antico, Eugenia Grandet, L’inverno ti farà tornare (un fiasco in Italia), due o tre pezzettini di Noi vivi e altri tre pezzetti di Senso.